scegliere una macchina da cucire

Scegliere una macchina da cucire, o meglio: quella che sceglierei io 2 commenti


Domanda:Elisa, secondo te, quale macchina per cucire posso comprare?

Risposta: Mi hanno fatto in molti questa domanda, e io ultimamente rispondo sempre nello stesso modo: quella che ho comprato io!
Scegliere una macchina da cucire è importante. Deve essere facile da utilizzare, non troppo rumorosa, ed avere un buon prezzo.
Puoi scegliere di prenderla on line oppure, se hai la fortuna di avere un negozio specializzato nella tua città, puoi scegliere di farti aiutare da loro.

Questi sono i miei consigli se deciderai di comprarla on line:

D:Quanti punti deve avere una macchina da cucire? Una da 200.000.000 punti è più bella di una da 15 punti?

R:Beh, se vado sulla mia esperienza personale, la mia macchina ha 6 punti  utili, 7 punti elastici e nove punti decorativi. I sei punti utili li utilizzo spesso e volentieri, i punti elastici raramente ma sono felice di averli, i decorativi non ho mai nemmeno provato ad usarli, anche solo per vedere come vengono. Non mi interessano e non li uso mai.

Per farti un esempio c’è una macchina da cucire della Singer che ha 225 punti, di cui uno a forma di… boh… paperelle(?).
Meravigliosa macchina, non dico di no!
Perfetta per molti motivi, ma davvero ti serve un punto con le paperelle?
Per il mio personalissimo punto di vista, è importante scegliere una macchina da cucire che abbia ciò che veramente ci serve.

La bellezza di una macchina da cucire non è nel numero dei punti. ma nella praticità.

D:allora quali sono i parametri per scegliere una macchina da cucire?

R:Beh, per prima cosa direi la marca.
scegliere una macchina da cucire di marche sconosciute vendute a poco prezzo nel discount vuole dire buttare via i soldi.
Non valgono mai la pena. il prezzo di una macchina da cucire buona si aggira intorno alle 100/150 euro, per poi salire in base a quello che può offrire.(tipo le paperelle)

(Unica e sola eccezione a questa regola è la “Silver Crest” macchina da cucire in vendita alla LIDL.
Posso dire di averla provata e non avere niente da ridire su di essa, buona macchina! se vuoi comprarla rimarrai comunque soddisfatta.)

Le marche migliori, a mio avviso, sono: Necchi e, Singer

Un’altro parametro da guardare, per scegliere una macchina da cucire, è la possibilità di aumentare e diminuire la dimensione del punto. Alcune macchine hanno la possibilità di scegliere, tramite una rotella, quanto il punto debba essere grande.
ultimo, ma non per importanza, che abbia la possibilità di fare punti elasticizzati e asole.

La macchina che utilizzo io e che vedete sempre nei miei tutorial ha tutto questo.

Si tratta di una Singer 3223 (se ti interessa, la puoi comprare qui, c’è una buona offerta. Comprandola tramite questo link supporti anche il mio lavoro.)

Se come marca e preferisci una Necchi, ti consiglio la Millepunti  M220. È pratica e anche lei molto facile da usare.

D:Io ci vedo poco e faccio fatica ad infilare gli aghi normali, figurarsi gli aghi della macchina da cucire, non c’è una macchina adatta?

R:Personalmente non ho bisogno di usare un infila aghi. Data la mia esperienza praticamente infilo la macchina ad occhi chiusi. Per questo motivo ho scelto un modello che non lo aveva, ma se ti dovesse servire, scegliendo il modello azzurro della Singer Simple, hai anche l’infila ago automatico, che è un toccasana per chi ci vede poco.


Se invece dovessi consigliare una necchi con infila ago automatico, vi direi di prendere questa

Spero che questi miei consigli ti possano essere utili, ho cercato di darti un po’ di scelta, basandomi sulla mia personale esperienza e cercando di rimanere in un range  di spesa appropriato per ciò che devi comprare.
Se vuoi comprare le macchine di cui ti ho parlato, ti chiedo la gentilezza di farlo tramite i link che ho condiviso, tu non spenderai nulla in più, ma è un ottimo modo per supportarmi e dimostrarmi che apprezzi il mio lavoro.

Se ti è piaciuto questo articolo mi farebbe piacere che ricambiassi condividendolo sul tuo profilo.

grazie, alla prossima
Elisa Oximoron


Informazioni su Elisa Oximoron

Ho iniziato ad appassionarmi al cucito sin da piccola e, nel 1998 ho iniziato un corso professionale di "operatrice abbigliamento, confezionista industriale" presso una scuola di Pavia. Ho fatto uno stage in un negozio di abiti da sposa e poi ho aperto la mia personale sartoria, dove realizzavo abiti su misura e cosplay. A causa di problemi di salute nel 2014 ho dovuto chiudere il negozio e sono diventata insegnante di cucito in un corso specialistico per corsetteria storica. Ho scoperto che amo insegnare e ho iniziato a creare corsi di cucito per principianti. attualmente abbiamo attivi 5 corsi di cucito solo a pavia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Scegliere una macchina da cucire, o meglio: quella che sceglierei io

  • Adelasia

    Grazie per questo post impressionante. Hai condiviso una buona informazioni. Ma ho già comprato una macchina da cucire da negozio online “Sewshop”. I tuoi dati mi aiuterà in futuro.

    • Elisa Oximoron L'autore dell'articolo

      beh, visto che la tua mail è sewshop.eu@gmail.com probabilmente quello è il tuo negozio e, lavorandoci dentro, sarebbe poco furbo non approfittarne. XD

      🙂 Mi fa piacere che vuoi fare pubblicità al tuo negozio, ma un commento così ti aiuterà poco 🙁 il modo migliore è contattarmi con un messaggio privato e chiedermi una collaborazione magari con uno scambio di link, oppure scrivere un guest post e mandarmelo via mail privata all’indirizzo scucendosimpara@gmail.com sarò felice di pubblicarlo a tuo nome ed includere un link alla tua pagina.

      il guest post deve essere di 500/700 parole ed essere di una qualche utilità. Potrebbe ad esempio parlare di quale macchina da cucire consigliate voi (io ho detto la mia, magari voi avete altre preferenze) oppure dei consigli tecnici che potrebbero essere di qualche utilità per chi vi legge.
      Deve essere un post nuovo e non un articolo già presente sul vostro sito e sconsiglio vivamente di creare un post in cui parlate solo di quanto è bello il vostro negozio, di solito il lettore si annoia dopo due o tre righe.
      🙂
      Quindi, ricapitolando: scrivimi un articolo di 500/700 parole, spiegaci qualcosa di interessante e io lo pubblicherò sul mio sito, sulla mia pagina facebook e ci aggiungerò anche un link diretto alla tua pagina, magari poi questo articolo lo condividerai anche sulla tua pagina facebook, in modo da permettere anche alle tue clienti di vederlo.

      Se poi vorrai ringraziarmi per la disponibilità che ti ho dato, potresti anche condividere sulla tua pagina facebook qualche mio articolo. 🙂
      ti auguro una buona giornata ed un buon lavoro e spero possiamo collaborare presto